L'Homo technicus e la realtà come antropomorfismo