Il silenzio dell’antropologo e l’altro degli altri. Fare etnografia in clausura