In questo testo si discutono due dipinti di carattere sacro, soggetti canonici, condotti però secondo un criterio innovativo precipuo all'artista, cioè con la franchezza e l'intensa partecipazione emotiva riservata agli studi di carattere, dal naturale, un genere che egli elevò a risultati qualitativamente e poeticamente eccellenti in Europa. Il Gandolfi fu infatti interprete tra i più dotati e coinvolti all'indagine della percezione psicologica delle umili persone da lui ritratte negli anni della pubblicazione del trattato di Lavater e dell'attenzione, tutta nuova e internazionale, per la raffigurazione anche della realtà popolare.

Ubaldo Gandolfi: San Giuseppe in preghiera; San Pietro penitente

BIAGI, DONATELLA
2017

Abstract

In questo testo si discutono due dipinti di carattere sacro, soggetti canonici, condotti però secondo un criterio innovativo precipuo all'artista, cioè con la franchezza e l'intensa partecipazione emotiva riservata agli studi di carattere, dal naturale, un genere che egli elevò a risultati qualitativamente e poeticamente eccellenti in Europa. Il Gandolfi fu infatti interprete tra i più dotati e coinvolti all'indagine della percezione psicologica delle umili persone da lui ritratte negli anni della pubblicazione del trattato di Lavater e dell'attenzione, tutta nuova e internazionale, per la raffigurazione anche della realtà popolare.
Da Ludovico Carracci a Ubaldo Gandolfi
126
131
Donatella, Biagi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/610041
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact