Verso la città gastrocratica? Nuove identità per i mercati alimentari