Sulla via del "grande, vero e perfetto filosofo"