Lamberto Borghi, Aldo Capitini e l'eterno presente della nonviolenza