Mondi digitali paralleli. Rappresentare la Bologna che sarebbe stata nella Bologna che è