Quale conoscenza per le ‘aree archeologiche strutturate’