Al confine tra Regno delle Due Sicilie e Stato Pontificio: il profilarsi di una "regione frontaliera