Nel 2017, correndo il decennale, la rassegna “Classici in classe” si sdoppia in due manifestazioni. La prima ha luogo oggi, sabato 8 aprile; la seconda si ter-rà lunedì 15 maggio. Per “I Classici in classe (I)” va in scena l’opera musicale In cosa ti somiglio che Raffaele Sargenti ha concepito e composto appositamente per bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado. In cosa ti somiglio, per voce femminile, coro di voci bianche, orchestra di ra-gazzi ed elettronica, è andata in scena per la prima volta nel 2014 nel Teatro Cucinelli di Solomeo (Perugia). L’opera si basa su sette filastrocche in cui il poeta perugino Claudio Spinelli (1930-2002) canta i ricordi e i luoghi della propria città natale in una scrittura ironica, intessuta di acute riflessioni esi-stenziali. Per Bologna il compositore ha elaborato una seconda versione dell’opera, in vista dell’intervento di nuove realtà scolastiche del territorio emiliano, in colla-borazione col coro giovanile di Solomeo. Lo spettacolo scaturisce da un pro-getto di lavoro avviato nel settembre 2016, realizzato attraverso la collabora-zione di enti formativi delle due regioni, l’Emilia Romagna e l’Umbria: l’ensemble strumentale di studenti del corso a indirizzo musicale della scuola secondaria di I grado ‘Guido Reni’ di Bologna, preparato da Monica Fini (pia-noforte e percussioni), Eulalia Grillo (violino), Elisabetta Benericetti e Roberto Ravaioli (clarinetto), Maurizio Sacco (chitarra); gli studenti delle classi di fi-sarmonica (Ilaria Nardi) e di percussioni (Adriano Cofone) del Liceo musicale “Lucio Dalla” di Bologna; il coro di voci bianche e coro giovanile “Octava Au-rea” di Solomeo diretto da Mario Cecchetti, coadiuvato da Catharina Scharp per la vocalità, da Chiara Franceschelli per la sezione distaccata di Ponte Fel-cino e dalla pianista Mailis Põld. Com’è consuetudine da ormai tanti anni, la rassegna propone occasioni d’incontro tra il mondo della scuola e quello del professionismo. Con i ragazzi si esibiscono infatti due giovani musicisti di professione, la cantante Elisa Bo-nazzi (Bologna) e il flautista Andrea Biagini (Perugia). La regìa infine è curata da Simone Bevilacqua, laureato in DAMS - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo all’Università di Bologna, mentre le videoproiezioni sono di Daniele Arteritano, dell’associazione "Il Raggio verde" di Perugia.

I Classici in classe (I). "In cosa di somiglio"di Raffaele Sargenti

SCALFARO, ANNA
2017

Abstract

Nel 2017, correndo il decennale, la rassegna “Classici in classe” si sdoppia in due manifestazioni. La prima ha luogo oggi, sabato 8 aprile; la seconda si ter-rà lunedì 15 maggio. Per “I Classici in classe (I)” va in scena l’opera musicale In cosa ti somiglio che Raffaele Sargenti ha concepito e composto appositamente per bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo e di secondo grado. In cosa ti somiglio, per voce femminile, coro di voci bianche, orchestra di ra-gazzi ed elettronica, è andata in scena per la prima volta nel 2014 nel Teatro Cucinelli di Solomeo (Perugia). L’opera si basa su sette filastrocche in cui il poeta perugino Claudio Spinelli (1930-2002) canta i ricordi e i luoghi della propria città natale in una scrittura ironica, intessuta di acute riflessioni esi-stenziali. Per Bologna il compositore ha elaborato una seconda versione dell’opera, in vista dell’intervento di nuove realtà scolastiche del territorio emiliano, in colla-borazione col coro giovanile di Solomeo. Lo spettacolo scaturisce da un pro-getto di lavoro avviato nel settembre 2016, realizzato attraverso la collabora-zione di enti formativi delle due regioni, l’Emilia Romagna e l’Umbria: l’ensemble strumentale di studenti del corso a indirizzo musicale della scuola secondaria di I grado ‘Guido Reni’ di Bologna, preparato da Monica Fini (pia-noforte e percussioni), Eulalia Grillo (violino), Elisabetta Benericetti e Roberto Ravaioli (clarinetto), Maurizio Sacco (chitarra); gli studenti delle classi di fi-sarmonica (Ilaria Nardi) e di percussioni (Adriano Cofone) del Liceo musicale “Lucio Dalla” di Bologna; il coro di voci bianche e coro giovanile “Octava Au-rea” di Solomeo diretto da Mario Cecchetti, coadiuvato da Catharina Scharp per la vocalità, da Chiara Franceschelli per la sezione distaccata di Ponte Fel-cino e dalla pianista Mailis Põld. Com’è consuetudine da ormai tanti anni, la rassegna propone occasioni d’incontro tra il mondo della scuola e quello del professionismo. Con i ragazzi si esibiscono infatti due giovani musicisti di professione, la cantante Elisa Bo-nazzi (Bologna) e il flautista Andrea Biagini (Perugia). La regìa infine è curata da Simone Bevilacqua, laureato in DAMS - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo all’Università di Bologna, mentre le videoproiezioni sono di Daniele Arteritano, dell’associazione "Il Raggio verde" di Perugia.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/596796
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact