Identità celate e pazzie non simulate: convenzioni e scene tipiche nell’“Eritrea” di Faustini e Cavalli