La catena di custodia del dato digitale: tra anelli solidi e anelli mancanti