Ancora sull’«Onegin» “italiano”