Il contributo analizza, in prospettiva storica, due opere esegetiche di Beda (due commentari sugli Atti degli Apostoli) alla luce dell'intera sua produzione storica ed esegetica, e nel quadro della tradizione esegetica del libro degli Atti, rivolgendo l'attenzione soprattutto alla riflessione di questo autore cristiano sull'identità di Israele e sulla tensione tra universalismo cristiano ed esigenza di definizione dell'identità culturale di un popolo convertito da pochi decenni (le genti dell'Anglia).

Israele, la Chiesa e le genti nei due commenti di Beda agli Atti degli Apostoli

SAVIGNI, RAFFAELE
2008

Abstract

Il contributo analizza, in prospettiva storica, due opere esegetiche di Beda (due commentari sugli Atti degli Apostoli) alla luce dell'intera sua produzione storica ed esegetica, e nel quadro della tradizione esegetica del libro degli Atti, rivolgendo l'attenzione soprattutto alla riflessione di questo autore cristiano sull'identità di Israele e sulla tensione tra universalismo cristiano ed esigenza di definizione dell'identità culturale di un popolo convertito da pochi decenni (le genti dell'Anglia).
Studi di storia del Cristianesimo. Per Alba Maria Orselli
153
180
R. Savigni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/58549
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact