L’Anonimo come tema di discontinuità nella cultura architettonica italiana tra Primo e Secondo Novecento