Il saggio prende in esame la funzione degli 'horoi', i segni di confine iscritti su pietra, nell'età compresa tra il III e il IX secolo. Essi, sulla scorta di una attitudine culturale concernente il concetto di 'termine, limite' ereditata dall'antichità, anche nel mondo bizantino sono posti sotto la tutela di Dio e degli imperatori. Si esaminano anche le informazioni che dai cippi di confine sono desumibili circa l'idea dello spazio sociale e naturale.

Boundary Marks and Space Organization in Early Byzantine Epigraphy

COSENTINO, SALVATORE
2016

Abstract

Il saggio prende in esame la funzione degli 'horoi', i segni di confine iscritti su pietra, nell'età compresa tra il III e il IX secolo. Essi, sulla scorta di una attitudine culturale concernente il concetto di 'termine, limite' ereditata dall'antichità, anche nel mondo bizantino sono posti sotto la tutela di Dio e degli imperatori. Si esaminano anche le informazioni che dai cippi di confine sono desumibili circa l'idea dello spazio sociale e naturale.
Inscriptions in the Byzantine and Post-Byzantine History and History of Art
95
109
Cosentino, Salvatore
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/580761
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact