L’agile ma denso volumetto (96 pagine) che ci accingiamo a commentare nel corso del presente lavoro raccoglie una serie di saggi, articoli, tracce di interventi pubblici (qui ampliati e arricchiti di un ampio corredo di note e citazioni bibliografiche) che Ardigò ha redatto nel corso di un decennio (tra la fine degli anni ’80 e la seconda metà degli anni ’90, del secolo scorso). Esso viene pubblicato nel 1998 per i tipi delle Edizioni Dehoniane Bologna (EDB) nella collana “Fede e Storia”. Ad una prima lettura si ha l’impressione di trovarsi di fronte ad un work in progress (come peraltro accade spesso per i testi di Ardigò), ad un lavoro non pienamente compiuto (se non incompiuto). Ma allora perché l’esigenza (l’urgenza) di dare alle stampe, e quindi di mettere a disposizione di un pubblico più vasto, queste riflessioni ed analisi sulla Chiesa come istituzione e sulla dottrina della Chiesa come precettistica? Come lo stesso autore riconosce in apertura del volume, queste note (almeno i primi due capitoli che compongono per così dire un “testo unitario”) sono state scritte in base ad (in un certo senso “dettate” da) un moto di coscienza che Ardigò ha sentito come reazione alla diffusione del documento: “Progetto culturale orientato in senso cristiano” a cura della Presidenza della CEI, pubblicato, sempre per i tipi dell’EDB, nel 1997.

Achille Ardigò studioso e credente. Alcune riflessioni sul rapporto tra chiesa e società (civile)

BASSI, ANDREA
2017

Abstract

L’agile ma denso volumetto (96 pagine) che ci accingiamo a commentare nel corso del presente lavoro raccoglie una serie di saggi, articoli, tracce di interventi pubblici (qui ampliati e arricchiti di un ampio corredo di note e citazioni bibliografiche) che Ardigò ha redatto nel corso di un decennio (tra la fine degli anni ’80 e la seconda metà degli anni ’90, del secolo scorso). Esso viene pubblicato nel 1998 per i tipi delle Edizioni Dehoniane Bologna (EDB) nella collana “Fede e Storia”. Ad una prima lettura si ha l’impressione di trovarsi di fronte ad un work in progress (come peraltro accade spesso per i testi di Ardigò), ad un lavoro non pienamente compiuto (se non incompiuto). Ma allora perché l’esigenza (l’urgenza) di dare alle stampe, e quindi di mettere a disposizione di un pubblico più vasto, queste riflessioni ed analisi sulla Chiesa come istituzione e sulla dottrina della Chiesa come precettistica? Come lo stesso autore riconosce in apertura del volume, queste note (almeno i primi due capitoli che compongono per così dire un “testo unitario”) sono state scritte in base ad (in un certo senso “dettate” da) un moto di coscienza che Ardigò ha sentito come reazione alla diffusione del documento: “Progetto culturale orientato in senso cristiano” a cura della Presidenza della CEI, pubblicato, sempre per i tipi dell’EDB, nel 1997.
Achille Ardigò nelle sue attività istituzionali
191
214
Bassi, A.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/577678
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact