Lo sguardo discreto: la riproduzione digitale tra opacità e trasparenza