«Dal male il bene»: partita doppia tra ispanistica e musicologia