Valutazione comparativa tra PET con 18F-FDG e RM nel monitoraggio della risposta alla chemioterapia in pazienti con carcinoma ovarico inoperabile: la PET è sempre la metodica più sensibile?