Rudolph Wittkower e Colin Rowe: continuità e frattura