Nel contributo si riflette sulle potenzialità e i limiti dell'analisi computer-assistita, riferendosi in particolare al software T-LAB, e utilizzando come occasione di ricerca i resocoanti giornalistici del disastro ferroviario di Crevalcore avvenuto nel 2005. Sul piano teorico, il contributo approfondisce il modo in cui la stampa contribuisce a strutturare il concetto di disastro, articolando una tassonomia delle vittime e inscrivendo l'evento tragico in un trauma di ritualità collettive.

L'analisi automatica dei testi. Applicazione ai resoconti di un disastro ferroviario

VILLANO, PAOLA;PRATI, GABRIELE;PALESTINI, LUIGI
2008

Abstract

Nel contributo si riflette sulle potenzialità e i limiti dell'analisi computer-assistita, riferendosi in particolare al software T-LAB, e utilizzando come occasione di ricerca i resocoanti giornalistici del disastro ferroviario di Crevalcore avvenuto nel 2005. Sul piano teorico, il contributo approfondisce il modo in cui la stampa contribuisce a strutturare il concetto di disastro, articolando una tassonomia delle vittime e inscrivendo l'evento tragico in un trauma di ritualità collettive.
I discorsi dei media e la psicologia sociale. Ambiti e strumenti di indagine
153
175
P. Villano; G. Prati; L. Palestini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/54682
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact