Introduzione. Il linfogranuloma venereo (LGV) è una malattia sistemica, a trasmissione sessuale (MTS), sostenuta dai sierotipi L1, L2, L3 di Chlamydia trachomatis (CT). L’infezione, scomparsa nei Paesi industrializzati, sta nuovamente riemergendo negli uomini omo o bi-sessuali (MSM) e tende a manifestarsi con sintomi e segni ano-rettali. Nel presente studio riportiamo 5 casi di LGV, identificati nel periodo compreso tra novembre 2011 e luglio 2012 presso l’ambulatorio MTS del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi, Bologna. Metodi. I tamponi rettali sono stati analizzati con il kit Versant CT/GC DNA 1.0 (Siemens). E’ stata successivamente eseguita lagenotipizzazione per CT, con metodica RFLP per il gene omp1. Risultati. I pazienti erano sintomatici, presentando lesioni ulcerative perianali e proctite in 2 casi, ulcerazione perianale isolata in2 casi e proctite isolata nell’ultimo caso. Linfoadenopatia inguinale monolaterale dolente è stata riportata in 2 casi. I pazienti con proctite presentavano tenesmo, dolore anale, stipsi e secrezioni muco-ematiche. Ad esclusione di un paziente, per il quale non sono state rivelate coinfezioni a trasmissione sessuale, sono state riportateall’anamnesi infezioni da HIV (3/5), Treponema pallidum (3/5), gonococco (1/5) e HBV (2/5). Tutti sono giunti alla diagnosi da LGV dopo un percorso diagnostico tortuoso: a seconda dei casi erano stati presi in considerazione recidive da HSV, patologie intestinali di pertinenza specialistica gastroenterologica o esiti di natura traumatica. Tutti i casi sono stati attribuiti al genotipo L2, mediante RFLP. Per tutti si è instaurata una terapia con Doxiciclina 100 mg 2 dosi/die per 21 giorni, proposta anche ai partner fissi. La valutazione clinica e laboratoristica di controllo ha dimostrato completa risoluzione dell’infezione. Conclusioni. Le manifestazioni cliniche dovute a LGV pongono serie problematiche nella diagnosi differenziale. La diagnosi molecolare di infezione da CT e la successiva tipizzazione permettono di giungere alla diagnosi corretta e di instaurare un adeguato trattamento antibiotico.

DIAGNOSI MOLECOLARE DI LINFOGRANULOMA VENEREO SU TAMPONI RETTALI.

MARANGONI, ANTONELLA;FOSCHI, CLAUDIO;D'ANTUONO, ANTONIETTA;CEVENINI, ROBERTO
2012

Abstract

Introduzione. Il linfogranuloma venereo (LGV) è una malattia sistemica, a trasmissione sessuale (MTS), sostenuta dai sierotipi L1, L2, L3 di Chlamydia trachomatis (CT). L’infezione, scomparsa nei Paesi industrializzati, sta nuovamente riemergendo negli uomini omo o bi-sessuali (MSM) e tende a manifestarsi con sintomi e segni ano-rettali. Nel presente studio riportiamo 5 casi di LGV, identificati nel periodo compreso tra novembre 2011 e luglio 2012 presso l’ambulatorio MTS del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi, Bologna. Metodi. I tamponi rettali sono stati analizzati con il kit Versant CT/GC DNA 1.0 (Siemens). E’ stata successivamente eseguita lagenotipizzazione per CT, con metodica RFLP per il gene omp1. Risultati. I pazienti erano sintomatici, presentando lesioni ulcerative perianali e proctite in 2 casi, ulcerazione perianale isolata in2 casi e proctite isolata nell’ultimo caso. Linfoadenopatia inguinale monolaterale dolente è stata riportata in 2 casi. I pazienti con proctite presentavano tenesmo, dolore anale, stipsi e secrezioni muco-ematiche. Ad esclusione di un paziente, per il quale non sono state rivelate coinfezioni a trasmissione sessuale, sono state riportateall’anamnesi infezioni da HIV (3/5), Treponema pallidum (3/5), gonococco (1/5) e HBV (2/5). Tutti sono giunti alla diagnosi da LGV dopo un percorso diagnostico tortuoso: a seconda dei casi erano stati presi in considerazione recidive da HSV, patologie intestinali di pertinenza specialistica gastroenterologica o esiti di natura traumatica. Tutti i casi sono stati attribuiti al genotipo L2, mediante RFLP. Per tutti si è instaurata una terapia con Doxiciclina 100 mg 2 dosi/die per 21 giorni, proposta anche ai partner fissi. La valutazione clinica e laboratoristica di controllo ha dimostrato completa risoluzione dell’infezione. Conclusioni. Le manifestazioni cliniche dovute a LGV pongono serie problematiche nella diagnosi differenziale. La diagnosi molecolare di infezione da CT e la successiva tipizzazione permettono di giungere alla diagnosi corretta e di instaurare un adeguato trattamento antibiotico.
Atti del XLI Congresso Nazionale AMCLI
137
137
Marangoni, A; Foschi, C; D’Antuono, A; Filippini, A; Bellavista, S; Banzola, N; Russo, I; Cevenini, R
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/531854
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact