La rivoluzione digitale ha portato a cambiamenti mai visti in passato. Si può affermare che si è aperta una nuova era che alcuni chiamano già il “Secondo Rinascimento”. E' cambiato completamente il rapporto con la conoscenza e quindi con l'apprendimento. Questo articolo vuole iniziare ad esaminare come questi cambiamenti hanno influenzato la didattica ed in particolare la didattica dell'informatica. In questa trasformazione l'informatica gioca un ruolo fondamentale perché è al tempo stesso una scienza giovane ed è la chiave di volta che ha reso possibile la rivoluzione digitale: è oggetto ed attore del cambiamento. La conoscenza nel secondo Medioevo (prima del Secondo Rinascimento) era scarsa, doveva essere faticosamente distribuita in libri, dischi, ora, libera finalmente dal supporto hardware, può essere replicata a costo praticamente nullo. L'ambiente culturale nel quale oggi apprendono i nostri studenti è completamente diverso da quello nel quale hanno studiato le precedenti generazioni. L'alibi di riempire le aule di gadget tecnologici per adattarsi alla modernità è una prospettiva miope e dannosa per il futuro dei nostri giovani concittadini. La trasformazione è molto più ampia e richiede profondi cambiamenti nel metodo di insegnamento e nuovi strumenti. È l'educazione alla creatività la frontiera dell'insegnamento e il software libero l'unica scelta possibile per il futuro.

La didattica dell'informatica libera nel Secondo Rinascimento

DAVOLI, RENZO
2015

Abstract

La rivoluzione digitale ha portato a cambiamenti mai visti in passato. Si può affermare che si è aperta una nuova era che alcuni chiamano già il “Secondo Rinascimento”. E' cambiato completamente il rapporto con la conoscenza e quindi con l'apprendimento. Questo articolo vuole iniziare ad esaminare come questi cambiamenti hanno influenzato la didattica ed in particolare la didattica dell'informatica. In questa trasformazione l'informatica gioca un ruolo fondamentale perché è al tempo stesso una scienza giovane ed è la chiave di volta che ha reso possibile la rivoluzione digitale: è oggetto ed attore del cambiamento. La conoscenza nel secondo Medioevo (prima del Secondo Rinascimento) era scarsa, doveva essere faticosamente distribuita in libri, dischi, ora, libera finalmente dal supporto hardware, può essere replicata a costo praticamente nullo. L'ambiente culturale nel quale oggi apprendono i nostri studenti è completamente diverso da quello nel quale hanno studiato le precedenti generazioni. L'alibi di riempire le aule di gadget tecnologici per adattarsi alla modernità è una prospettiva miope e dannosa per il futuro dei nostri giovani concittadini. La trasformazione è molto più ampia e richiede profondi cambiamenti nel metodo di insegnamento e nuovi strumenti. È l'educazione alla creatività la frontiera dell'insegnamento e il software libero l'unica scelta possibile per il futuro.
2015
E questo tutti chiamano Informatica: L'esperienza dei TFA nelle discipline informatiche
3
22
Renzo Davoli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/523025
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact