SUGGESTIONI PROGETTUALI E SIMULAZIONI AMBIENTALIALLAPORTAESTDELPARCO DI CLASSE IN RAVENNAARCHITECTURALHORIZON AND ENVIRONMENTALSIMULATIONS IN RAVENNAAT EAST CLAS-SE PARK: GREEN VILLAGE AND NAUTICALCAMPUS + BEACH, RELAIS AND GYMNASIUM +GUEST HOTELAND ODEONPerché della propostaLe proposte che qui si presentano sinteticamente sono affidate a poche parole ed a essenziali schemi ideativi, per imma-gini evocative. Esse hanno lo scopo di rappresentare un’ipotesi progettuale in Ravenna, a est del parco di Classe, traMirabilandia e il Lido di Classe. I contenuti sono di marca sportiva, aperti ad attività universitarie, e coinvolgono alcuni profili di un’ospitalità attrattiva, secon-do i più recenti criteri del “turismi evoluti”, personalizzabili, ambientalmente consapevoli e culturalmente responsabili. Siamoalle porte del Parco di Classe, in una campagna tendenzialmente improduttiva, segnata dal ritorno dell’acqua e dalla pre-senza di cave, in parte ancora attive. Viene prospettato un sistema interrelato di centri sportivi e mondi ricreativi, per grup-pi limitati, forse stagionali, che comportano servizi di qualità e ospitalità “glamour” o semplicemente innovativa. In una con-cezione unitaria che si alimenta e muove tra attenzioni ambientali, diversità morfologiche, autonomie funzionali, collaudategestioni.Sono considerate aree diverse, tra loro prossime, di cui le mappe illustrano le realtà tramite foto aeree ed a terra, traccian-done prime simulazioni ambientali e possibili profili funzionali, in vista di osservazioni al PSC della Città. Questo studio segue altri elaborati contenenti una necessaria lettura ambientale della zona e prime proposizioni di caratte-re generale. Essi costituiscono un quadro di riferimento nel passaggio dalla grande scala territoriale alle presenti proposte,qui presentate estraendole dalle sperimentazioni progettuali condotte nel corso di “Architettura e composizione architetto-nica III” del DAPTdi Bologna. Dove da tempo si indaga su Ravenna adriatica come laboratorio turistico.Aree e trameLa prima area riguarda il complesso storico della Coop Libertà e Lavoro posto lungo la via comunale che dalla statale adria-tica conduce al Lido di Classe, segnata da preesistenze di campagna, alcuni capannoni agricoli e varie pertinenze. Laseconda è la spiaggia di Classe, al limite ovest degli attuali stabilimenti, al confine con la fascia naturale ricca di dune epinete litoranee, che procede verso il fiume Bevano ed i Fiumi Uniti. Qui si conclude a mare il percorso ciclopedonale insede propria che costeggia la precedente strada, di accesso al Lido. La terza area coinvolge invece i comparti già agrico-li, in fase di rinaturalizzazione, posti a est della pineta di Classe sotto il Bevano. Qui sbocca il percorso ciclopedonale prin-cipale, che da Cervia/Milano Marittima procede verso Ravenna, attraversando il Parco medesimo (percorso di cui si invo-ca la definitiva tracciatura e valorizzazione, tra aree agricole, pinete e zone umide).Occorre ricordare anche le vie e chiari d’acqua del ravennate, che dovrebbero generare un sistema d’acqua almeno par-zialmente continuo, tale da offrirsi come estesa risorsa turistica. Per questo mondo poco esplorato ci permettiamo di inse-rire tra le schede anche la formulazione di una proposta di un’“unità galleggiante multiuso” a basso pescaggio per le zoned’acqua percorribili del ravennate (tesi di laurea 1987 di Giovanni Ceccarelli, relatore Giorgio Praderio):un “houseboat”.Le tra aree richiedono una leggera ma conclusa ed evidente trama relazionale, carrabile e ciclopedonale, già oggi imposta-ta. Che consenta di aprirsi a interessanti visuali paesaggistiche e valenze funzionali (il lungo Bevano, ad esempio, la vici-na Mirabilandia), destinati a reggere l’intero sistema sportivo turistico ambientale. Si privilegiano l’asse est/ovest ciclopedo-nale Cervia/Ravenna, percorribile anche con mezzi elettrici biposto e/o quadriposto (del tipo in uso negli aeroporti e neigreen internazionali) ...

Bevano>Classe>RA: Suggestioni progettuali e simulazioni ambientali alle porte del Parco di Classe in Ravenna

ERIOLI, ALESSIO;PRADERIO, GIORGIO
2007

Abstract

SUGGESTIONI PROGETTUALI E SIMULAZIONI AMBIENTALIALLAPORTAESTDELPARCO DI CLASSE IN RAVENNAARCHITECTURALHORIZON AND ENVIRONMENTALSIMULATIONS IN RAVENNAAT EAST CLAS-SE PARK: GREEN VILLAGE AND NAUTICALCAMPUS + BEACH, RELAIS AND GYMNASIUM +GUEST HOTELAND ODEONPerché della propostaLe proposte che qui si presentano sinteticamente sono affidate a poche parole ed a essenziali schemi ideativi, per imma-gini evocative. Esse hanno lo scopo di rappresentare un’ipotesi progettuale in Ravenna, a est del parco di Classe, traMirabilandia e il Lido di Classe. I contenuti sono di marca sportiva, aperti ad attività universitarie, e coinvolgono alcuni profili di un’ospitalità attrattiva, secon-do i più recenti criteri del “turismi evoluti”, personalizzabili, ambientalmente consapevoli e culturalmente responsabili. Siamoalle porte del Parco di Classe, in una campagna tendenzialmente improduttiva, segnata dal ritorno dell’acqua e dalla pre-senza di cave, in parte ancora attive. Viene prospettato un sistema interrelato di centri sportivi e mondi ricreativi, per grup-pi limitati, forse stagionali, che comportano servizi di qualità e ospitalità “glamour” o semplicemente innovativa. In una con-cezione unitaria che si alimenta e muove tra attenzioni ambientali, diversità morfologiche, autonomie funzionali, collaudategestioni.Sono considerate aree diverse, tra loro prossime, di cui le mappe illustrano le realtà tramite foto aeree ed a terra, traccian-done prime simulazioni ambientali e possibili profili funzionali, in vista di osservazioni al PSC della Città. Questo studio segue altri elaborati contenenti una necessaria lettura ambientale della zona e prime proposizioni di caratte-re generale. Essi costituiscono un quadro di riferimento nel passaggio dalla grande scala territoriale alle presenti proposte,qui presentate estraendole dalle sperimentazioni progettuali condotte nel corso di “Architettura e composizione architetto-nica III” del DAPTdi Bologna. Dove da tempo si indaga su Ravenna adriatica come laboratorio turistico.Aree e trameLa prima area riguarda il complesso storico della Coop Libertà e Lavoro posto lungo la via comunale che dalla statale adria-tica conduce al Lido di Classe, segnata da preesistenze di campagna, alcuni capannoni agricoli e varie pertinenze. Laseconda è la spiaggia di Classe, al limite ovest degli attuali stabilimenti, al confine con la fascia naturale ricca di dune epinete litoranee, che procede verso il fiume Bevano ed i Fiumi Uniti. Qui si conclude a mare il percorso ciclopedonale insede propria che costeggia la precedente strada, di accesso al Lido. La terza area coinvolge invece i comparti già agrico-li, in fase di rinaturalizzazione, posti a est della pineta di Classe sotto il Bevano. Qui sbocca il percorso ciclopedonale prin-cipale, che da Cervia/Milano Marittima procede verso Ravenna, attraversando il Parco medesimo (percorso di cui si invo-ca la definitiva tracciatura e valorizzazione, tra aree agricole, pinete e zone umide).Occorre ricordare anche le vie e chiari d’acqua del ravennate, che dovrebbero generare un sistema d’acqua almeno par-zialmente continuo, tale da offrirsi come estesa risorsa turistica. Per questo mondo poco esplorato ci permettiamo di inse-rire tra le schede anche la formulazione di una proposta di un’“unità galleggiante multiuso” a basso pescaggio per le zoned’acqua percorribili del ravennate (tesi di laurea 1987 di Giovanni Ceccarelli, relatore Giorgio Praderio):un “houseboat”.Le tra aree richiedono una leggera ma conclusa ed evidente trama relazionale, carrabile e ciclopedonale, già oggi imposta-ta. Che consenta di aprirsi a interessanti visuali paesaggistiche e valenze funzionali (il lungo Bevano, ad esempio, la vici-na Mirabilandia), destinati a reggere l’intero sistema sportivo turistico ambientale. Si privilegiano l’asse est/ovest ciclopedo-nale Cervia/Ravenna, percorribile anche con mezzi elettrici biposto e/o quadriposto (del tipo in uso negli aeroporti e neigreen internazionali) ...
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/52020
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact