Pascoli e il «caro paesello»