Nell’anno di Expo Milano 2015, dedicato al tema dell’alimentazione e della nutrizione, lunedì 22 settembre, apre al pubblico a Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna, la nuova installazione sulla storia gastronomica della città di Bologna: La Manifattura del Gusto. Il Museo della Storia di Bologna aggiunge un nuovo spazio espositivo al suo percorso museale per raccontare l’eccellenza della tradizione culinaria della città, sviluppatasi nel corso dei secoli. Il percorso espositivo, ideato dal collettivo Open Stories con il supporto software di LOOP, si compone di tre installazioni ispirate ai tre alimenti “protagonisti” della cucina locale: il tortellino, la tagliatella e la mortadella. L’area tematica celebra, attraverso le sue installazioni interattive, la tradizione, la convivialità e la capacità produttiva di Bologna “la grassa” e ne sottolinea, in maniera divertente e coinvolgente, l’eccellenza manifatturiera. La Manifattura del Gusto Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna dedica uno spazio alla storia gastronomica di Bologna, attraverso il filo conduttore dei tre alimenti simbolo della cucina locale: il tortellino, la tagliatella e la mortadella, a ognuno dei quali è dedicata un’installazione. Il percorso espositivo con un allestimento caratterizzato da comandi in tessuto interattivo, privo di macchinari a vista si snoda lungo tre aree che esprimono lo spirito profondo della cultura gastronomica bolognese: la tradizione, la convivialità e la capacità produttiva. Un’estetica ideata per favorire un’esperienza immersiva poetica, fatta di contatto materico ed emozioni. Mortadella Machine L’eccellenza gastronomica bolognese è frutto anche della tecnologia. Per questo, nell’ultima sezione di questo percorso espositivo legato al cibo, troviamo un’installazione che ricostruisce, attraverso un gioco proiettato su un tessuto interattivo, le diverse fasi della lavorazione della mortadella. Se il giocatore è abile e vince, alla fine sarà premiato con l’emissione, da parte della Mortadella Machine, di un premio davvero speciale. Divertente e coinvolgente, è un modo giocoso di comunicare l’eccellenza manifatturiera e tecnologica della città di Bologna.

Mortadella Machine

ROCCETTI, MARCO;ROVERSI MONACO, FABIO ALBERTO;VARNI, ANGELO;
2015

Abstract

Nell’anno di Expo Milano 2015, dedicato al tema dell’alimentazione e della nutrizione, lunedì 22 settembre, apre al pubblico a Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna, la nuova installazione sulla storia gastronomica della città di Bologna: La Manifattura del Gusto. Il Museo della Storia di Bologna aggiunge un nuovo spazio espositivo al suo percorso museale per raccontare l’eccellenza della tradizione culinaria della città, sviluppatasi nel corso dei secoli. Il percorso espositivo, ideato dal collettivo Open Stories con il supporto software di LOOP, si compone di tre installazioni ispirate ai tre alimenti “protagonisti” della cucina locale: il tortellino, la tagliatella e la mortadella. L’area tematica celebra, attraverso le sue installazioni interattive, la tradizione, la convivialità e la capacità produttiva di Bologna “la grassa” e ne sottolinea, in maniera divertente e coinvolgente, l’eccellenza manifatturiera. La Manifattura del Gusto Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna dedica uno spazio alla storia gastronomica di Bologna, attraverso il filo conduttore dei tre alimenti simbolo della cucina locale: il tortellino, la tagliatella e la mortadella, a ognuno dei quali è dedicata un’installazione. Il percorso espositivo con un allestimento caratterizzato da comandi in tessuto interattivo, privo di macchinari a vista si snoda lungo tre aree che esprimono lo spirito profondo della cultura gastronomica bolognese: la tradizione, la convivialità e la capacità produttiva. Un’estetica ideata per favorire un’esperienza immersiva poetica, fatta di contatto materico ed emozioni. Mortadella Machine L’eccellenza gastronomica bolognese è frutto anche della tecnologia. Per questo, nell’ultima sezione di questo percorso espositivo legato al cibo, troviamo un’installazione che ricostruisce, attraverso un gioco proiettato su un tessuto interattivo, le diverse fasi della lavorazione della mortadella. Se il giocatore è abile e vince, alla fine sarà premiato con l’emissione, da parte della Mortadella Machine, di un premio davvero speciale. Divertente e coinvolgente, è un modo giocoso di comunicare l’eccellenza manifatturiera e tecnologica della città di Bologna.
2015
Affuso, Roberto; Ansaloni, Patrizio; Bastelli, Cesare; Bastelli, Lorenzo; Casamassima, Antonio; Cascio, Ameleto; Colombini, Silvia; Bei, Fabrizia De; Fanti, Ivan; Farolfi, Laura; Mazzanti, Claudio; Nadalini, Andrea; Quadrelli, Giulia; Roccetti, Marco; Roversi Monaco, Fabio; Sanna, Diego; Varni, Angelo; Vitali, Alessandro; Zanichelli, Marco; Zuccon, Ivan
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/516350
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact