Il lavoro tenta di ricostruire in maniera il più possibile coerente il quadro politico, sociale ed economico di Bologna dal IV all’VIII secolo attraverso una rilettura di prima mano delle fonti disponibili. Nel fare ciò largo uso viene fatto della documentazione archeologica e storico-artistica. Esso è corredato da un’appendice in cui si propone una nuova edizione e interpretazione dell’iscrizione di Liutprando incisa sul cosiddetto catino di Pilato conservato in S. Stefano.

Bologna tra la tarda antichità e l'alto medioevo

COSENTINO, SALVATORE
2007

Abstract

Il lavoro tenta di ricostruire in maniera il più possibile coerente il quadro politico, sociale ed economico di Bologna dal IV all’VIII secolo attraverso una rilettura di prima mano delle fonti disponibili. Nel fare ciò largo uso viene fatto della documentazione archeologica e storico-artistica. Esso è corredato da un’appendice in cui si propone una nuova edizione e interpretazione dell’iscrizione di Liutprando incisa sul cosiddetto catino di Pilato conservato in S. Stefano.
Bologna nel medioevo
7
104
S. Cosentino
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/51557
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact