«Diptycha ex ebore»: osservazioni per uno studio lessicale