Un paesaggio cripto-teriomorfo: Cesare Baglione e il ritratto di Pont’Ercole nella Sala delle Vedute del Castello di Spezzano