Nel Novecento l'emarginazione perde la propria ovvietà e il miserabile non è più semplicemente colui che si trova in miseria, ma colui che è degno di commiserazione e, come tale, costituisce una possibilità dell'esserci che riguarda chiunque;

Miserabili in prosa. Novecento

GRECO, GIOVANNI;MARRI, FABIO;
2007

Abstract

Nel Novecento l'emarginazione perde la propria ovvietà e il miserabile non è più semplicemente colui che si trova in miseria, ma colui che è degno di commiserazione e, come tale, costituisce una possibilità dell'esserci che riguarda chiunque;
262
9788849128444
G. Greco; F. Marri; L. Tinti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/50051
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact