Partendo da una recenzione (inedita) di tutti gli scritti di Italo Calvino dedicati al cinema dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta, il saggio ricostruisce l'attività dello scrittore in qualità di occasionale critico cinematografico e teorico del cinema. Lo scritto ricorre alla categoria della "distanza", elaborata da Roland Barthes e da Calvino stesso, quale "postura" ermeneutica rispetto ai film e disposizione verso lo schermo nell'esperienza di spettatore.

La distanza / Michele Canosa. - STAMPA. - (2015), pp. 72-91.

La distanza

CANOSA, MICHELE
2015

Abstract

Partendo da una recenzione (inedita) di tutti gli scritti di Italo Calvino dedicati al cinema dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta, il saggio ricostruisce l'attività dello scrittore in qualità di occasionale critico cinematografico e teorico del cinema. Lo scritto ricorre alla categoria della "distanza", elaborata da Roland Barthes e da Calvino stesso, quale "postura" ermeneutica rispetto ai film e disposizione verso lo schermo nell'esperienza di spettatore.
2015
L'avventura di uno spettatore. Italo Calvino e il cinema
72
91
La distanza / Michele Canosa. - STAMPA. - (2015), pp. 72-91.
Michele Canosa
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/497575
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact