Design e crimine: o della “doppia indennità”