Il visionario, il fantastico, il meraviglioso tra Otto e Novecento