Nel saggio, il concetto di "pilotis" di Le Corbusier viene ripercorso a partire dalla sua scoperta della forza plastica e della specificità costruttiva delle colonne in tamburi di marmo dei templi greci, ammirate durante il viaggio del 1911, dalle sue proposte tecniche per un genere di colonna astratto e tecnicamente in linea con i criteri costruttivi contemporanei, come quando inventa la "colonne ronde et évidée" da fabbricare grazie all'eternit, sino alla creazione, al tempo stesso plastica e tecnica, dei pilotis degli anni Trenta e di quelli del secondo dopoguerra, dove la materia - il calcestruzzo armato lasciato a vista - gli consente di generare ormai delle colonne di una qualità plastica paragonabile a quella posseduta dalle colonne greche. L’analisi delle diverse soluzioni proposte da Le Corbusier viene fatta attraverso una visione che privilegia lo studio della costruzione, dei materiali e delle tecniche, sempre verificati attraverso i documenti d'archivio e la conoscenza diretta delle opere.

Les pilotis de Le Corbusier : les questions de la « la colonne ronde et évidée » et du coffrage

ROSELLINI, ANNA
2008

Abstract

Nel saggio, il concetto di "pilotis" di Le Corbusier viene ripercorso a partire dalla sua scoperta della forza plastica e della specificità costruttiva delle colonne in tamburi di marmo dei templi greci, ammirate durante il viaggio del 1911, dalle sue proposte tecniche per un genere di colonna astratto e tecnicamente in linea con i criteri costruttivi contemporanei, come quando inventa la "colonne ronde et évidée" da fabbricare grazie all'eternit, sino alla creazione, al tempo stesso plastica e tecnica, dei pilotis degli anni Trenta e di quelli del secondo dopoguerra, dove la materia - il calcestruzzo armato lasciato a vista - gli consente di generare ormai delle colonne di una qualità plastica paragonabile a quella posseduta dalle colonne greche. L’analisi delle diverse soluzioni proposte da Le Corbusier viene fatta attraverso una visione che privilegia lo studio della costruzione, dei materiali e delle tecniche, sempre verificati attraverso i documenti d'archivio e la conoscenza diretta delle opere.
2008
La colonne. Nouvelle histoire de la construction
365
379
Anna Rosellini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/474598
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact