Una microepatite linfocitaria multifocale in suini clinico-patologicamente silenti è registrata solamente nell’infezione spontanea e sperimentale da HEV (swine Hepatitis E virus, fam. Hepeviridae). L’infezione subclinica da HEV è dimostrata da studi sieroepidemiologici anche in allevamenti italiani. Pertanto abbiamo voluto verificare se anche in Italia si possono rilevare nei suini equivalenti istologici di microepatiti da HEV. Sono state effettuate indagini microscopiche sul fegato di suini normali alla visita sanitaria ante e post mortem, di suinetti SPF e di suinetti con infezione sperimentale da HEV. Istologicamente una microepatite linfocitaria multifocale (intralobulare e/o perilobulare) ha rilevato per incidenza (41%) su oltre 500 suini regolarmente macellati (224/547), mentre si è attestata al 9% su oltre 300 suinetti SPF (28/307). La percentuale di microepatiti nei suini macellati ha coinciso con quella (41%) di soggetti con feci positive a HEV RNA registrata nel Canada in suini in età da macello. I nostri dati per numerosità casistica non hanno antecedenti in letteratura, tuttavia mancano finora della dimostrazione di un nesso patogenetico con eziologie virali e in particolare con HEV. Abbiamo comunque potuto escludere immunoistochimicamente la presenza di antigeni di PCV-2 nelle lesioni dei casi più rilevanti. Inoltre in 8 controlli positivi per infezione sperimentale da HEV abbiamo constatato tipologie di lesioni microepatitiche sovrapponibili a quelle dei nostri 252 casi spontanei.

Microepatiti nei suini

MARCATO, PAOLO STEFANO;SARLI, GIUSEPPE;MILITERNO, GIANFRANCO;PANARESE, SERENA;BACCI, BARBARA;
2007

Abstract

Una microepatite linfocitaria multifocale in suini clinico-patologicamente silenti è registrata solamente nell’infezione spontanea e sperimentale da HEV (swine Hepatitis E virus, fam. Hepeviridae). L’infezione subclinica da HEV è dimostrata da studi sieroepidemiologici anche in allevamenti italiani. Pertanto abbiamo voluto verificare se anche in Italia si possono rilevare nei suini equivalenti istologici di microepatiti da HEV. Sono state effettuate indagini microscopiche sul fegato di suini normali alla visita sanitaria ante e post mortem, di suinetti SPF e di suinetti con infezione sperimentale da HEV. Istologicamente una microepatite linfocitaria multifocale (intralobulare e/o perilobulare) ha rilevato per incidenza (41%) su oltre 500 suini regolarmente macellati (224/547), mentre si è attestata al 9% su oltre 300 suinetti SPF (28/307). La percentuale di microepatiti nei suini macellati ha coinciso con quella (41%) di soggetti con feci positive a HEV RNA registrata nel Canada in suini in età da macello. I nostri dati per numerosità casistica non hanno antecedenti in letteratura, tuttavia mancano finora della dimostrazione di un nesso patogenetico con eziologie virali e in particolare con HEV. Abbiamo comunque potuto escludere immunoistochimicamente la presenza di antigeni di PCV-2 nelle lesioni dei casi più rilevanti. Inoltre in 8 controlli positivi per infezione sperimentale da HEV abbiamo constatato tipologie di lesioni microepatitiche sovrapponibili a quelle dei nostri 252 casi spontanei.
ATTI IV CONVEGNO AIPVET
58
58
MARCATO P.S.; SARLI G.; MILITERNO G.; PANARESE S.; BACCI B.; PERILLO P.; LOMBARDI G.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/47382
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact