Boiardo, Ariosto e i libri di battaglia