Di finestre aperte e porte chiuse...Considerazioni su romanzo, melodramma, Hollywood e Max Ophuls