Il saggio affronta le modalità, i processi e il ruolo dei diversi soggetti coinvolti nella ricostituzione dei rapporti tra capitale e lavoro nel contesto di riorganizzazione democratica dell'Italia nell'immediato dopoguerra. Se l'ideologia corporativa fascista aveva tentato di neutralizzare i conflitti di lavoro, l'orizzonte di possibilità che si apre con la Liberazione vede emergere una pluralità di concezione in merito alla riorganizzazione dei rapporti di lavoro. La ricostruzione storica si concentra in particolare sull'esperienza postbellica dei Consigli di gestione in Emialia-Romagna, un contesto finora scarcamente affrontato dalla storiografia italiana. L'analisi mette in luce l'esistenza di promettenti premesse di riorganizzazione di relazioni industriali potenzialmente aperte alla ricerca di mediazioni e di riconoscimento reciproco tra capitale e lavoro, premesse che tuttavia furono repentinamente soppiantate dalla rigidità ideologica della Guerra fredda e dalla logica della contrapposizione frontale che questa esaltava.

Dalla negazione alla "ricostruzione" del conflitto. L'Emilia Romagna nell'Italia del 1943/48

TOLOMELLI, MARICA
2006

Abstract

Il saggio affronta le modalità, i processi e il ruolo dei diversi soggetti coinvolti nella ricostituzione dei rapporti tra capitale e lavoro nel contesto di riorganizzazione democratica dell'Italia nell'immediato dopoguerra. Se l'ideologia corporativa fascista aveva tentato di neutralizzare i conflitti di lavoro, l'orizzonte di possibilità che si apre con la Liberazione vede emergere una pluralità di concezione in merito alla riorganizzazione dei rapporti di lavoro. La ricostruzione storica si concentra in particolare sull'esperienza postbellica dei Consigli di gestione in Emialia-Romagna, un contesto finora scarcamente affrontato dalla storiografia italiana. L'analisi mette in luce l'esistenza di promettenti premesse di riorganizzazione di relazioni industriali potenzialmente aperte alla ricerca di mediazioni e di riconoscimento reciproco tra capitale e lavoro, premesse che tuttavia furono repentinamente soppiantate dalla rigidità ideologica della Guerra fredda e dalla logica della contrapposizione frontale che questa esaltava.
Democrazia e conflitto. Il sindacato e il consolidamento della democrazia negli anni Cinquanta (Italia, Emilia-Romagna)
207
255
M. Tolomelli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/44742
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact