Parità di trattamento delle confessioni religiose. Esiste la “religione di stato”?