Il "De re militari":qualche considerazione sulle questioni stilistiche