I consumi degli altri: tra status symbol e riappropriazione simbolica