Francesco Maria Grimaldi appartiene a quella generazione di scienziati gesuiti che nella prima metà del Seicento si dedicarono alla ricerca sperimentale, facendo dell’esattezza e del calcolo rigoroso il fondamento della loro ricerca. Nel suo trattato «De lumine» propone una teoria moderna della diffrazione, anticipando Newton. Il saggio ricostruisce il suo metodo di lavoro, che malgrado l'appartenenza alla Compagnia di Gesù, risente del metodo galileiano. Forse per questo la sua biografia parla di ostacoli che i suoi confratelli frapposero alle sue ricerche sui fenomeni luminosi.

Profilo di Francesco Maria Grimaldi, scopritore della diffrazione luminosa,

BATTISTINI, ANDREA
2014

Abstract

Francesco Maria Grimaldi appartiene a quella generazione di scienziati gesuiti che nella prima metà del Seicento si dedicarono alla ricerca sperimentale, facendo dell’esattezza e del calcolo rigoroso il fondamento della loro ricerca. Nel suo trattato «De lumine» propone una teoria moderna della diffrazione, anticipando Newton. Il saggio ricostruisce il suo metodo di lavoro, che malgrado l'appartenenza alla Compagnia di Gesù, risente del metodo galileiano. Forse per questo la sua biografia parla di ostacoli che i suoi confratelli frapposero alle sue ricerche sui fenomeni luminosi.
Astronomia nova, 2014, n. 19, pp. 65-70.
65
70
Battistini, Andrea
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/408795
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact