Il volume descrive il patrimonio di libri a stampa in armeno conservati dalla Biblioteca Palatina di Parma: di 160 titoli, per quasi 230 volumi, pubblicati tra il 1538 e il 1845. Per ciascuno di essi viene fornita una scheda contenente: la trascrizione completa del frontespizio, la traslitterazione e una traduzione in italiano; la descrizione fisica dell’edizione; il riferimento ai principali repertori; la segnatura della Biblioteca Palatina; eventuali note su legatura, ex-libris e note manoscritte. Chiudono il volume indici di titoli, autori e traduttori, luoghi di stampa e note di possesso. Si tratta di rare antichità librarie, ma anche di strumenti linguistici, storici e filologici editi dai Padri Mechitaristi, di difficile reperimento ed inestimabile valore per gli studiosi. La maggior parte di questi volumi appartennero al duca di Lucca Carlo Ludovico, trasferitosi a Parma alla morte di Maria Luigia, nel 1847. Questi, bibliofilo e poliglotta, aveva appreso l’armeno a Venezia, presso i Padri Mechitaristi di San Lazzaro, nel 1845; i libri giuntici paiono essere una biblioteca acquisita in blocco dopo quel soggiorno. Preesistenti a Carlo Ludovico sono invece alcuni alfabeti, grammatiche e catechismi a cura della Propaganda Fide, e opere di esotismo linguistico e virtuosismo tipografico, legati alle insigni personalità dell’orientalista Giovanni Bernardo De Rossi e del tipografo Giambattista Bodoni.

I libri armeni a stampa della Biblioteca Palatina di Parma / Chiara Aimi. - STAMPA. - (2013), pp. 5-174.

I libri armeni a stampa della Biblioteca Palatina di Parma

AIMI, CHIARA
2013

Abstract

Il volume descrive il patrimonio di libri a stampa in armeno conservati dalla Biblioteca Palatina di Parma: di 160 titoli, per quasi 230 volumi, pubblicati tra il 1538 e il 1845. Per ciascuno di essi viene fornita una scheda contenente: la trascrizione completa del frontespizio, la traslitterazione e una traduzione in italiano; la descrizione fisica dell’edizione; il riferimento ai principali repertori; la segnatura della Biblioteca Palatina; eventuali note su legatura, ex-libris e note manoscritte. Chiudono il volume indici di titoli, autori e traduttori, luoghi di stampa e note di possesso. Si tratta di rare antichità librarie, ma anche di strumenti linguistici, storici e filologici editi dai Padri Mechitaristi, di difficile reperimento ed inestimabile valore per gli studiosi. La maggior parte di questi volumi appartennero al duca di Lucca Carlo Ludovico, trasferitosi a Parma alla morte di Maria Luigia, nel 1847. Questi, bibliofilo e poliglotta, aveva appreso l’armeno a Venezia, presso i Padri Mechitaristi di San Lazzaro, nel 1845; i libri giuntici paiono essere una biblioteca acquisita in blocco dopo quel soggiorno. Preesistenti a Carlo Ludovico sono invece alcuni alfabeti, grammatiche e catechismi a cura della Propaganda Fide, e opere di esotismo linguistico e virtuosismo tipografico, legati alle insigni personalità dell’orientalista Giovanni Bernardo De Rossi e del tipografo Giambattista Bodoni.
2013
170
I libri armeni a stampa della Biblioteca Palatina di Parma / Chiara Aimi. - STAMPA. - (2013), pp. 5-174.
Chiara Aimi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/399148
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact