Il volume riprende ed amplia la tesi di dottorato dell'autore, dedicata al trattato giuridico "De planctu bonorum", scritto nel 1379, durante il grande Scisma d'Occidente, dall'abate Jean Le Fèvre, canonista e consigliere del re di Francia Carlo V, per sostenere la causa dell'antipapa Clemente VII confutando il trattato "De fletu Ecclesie", scritto l'anno precedente dal giurista bolognese Giovanni da Legnano per sostenere le ragioni di papa Urbano VI. Nel primo capitolo viene descritta la situazione politica e giuridica del vertice della Chiesa cattolica (papa e Sacro Collegio cardinalizio) prima dello Scisma e nei mesi durante i quali esso divampò, nonché le responsabilità delle due parti. Nel secondo capitolo vengono descritte la situazione politica e militare del regno di Francia e le scelte del suo re e dei suoi consiglieri al momento dello scoppio dello Scisma. Nel terzo capitolo si descrivono vita e carriera di Jean Le Fèvre e, in subordine, del suo antagonista Giovanni da Legnano. Nel quarto capitolo si analizza dettagliatamente il contenuto del trattato di Le Fèvre. Nel quinto ed ultimo capitolo si considerano la particolare struttura stilistica dell'opera, la sua fortuna nell'ambiente dei canonisti europei impegnati nello Scisma e la carriera successiva di Jean Le Fèvre fino alla morte. Nella conclusione si rilevano i punti di forza e di debolezza del trattato, si connette la sua logica di fondo alle concezioni diffuse nel clero francese (fortemente critiche nei confronti dell'accentramento del potere da parte del papa in seno alla Chiesa) e si sottolinea la sua rilevanza nel fornire giustificazioni giuridiche ed ecclesiologiche ad una disputa di carattere eminentemente politico, che avrebbe influenzato fortemente la storia dell'Europa e della Chiesa nei decenni successivi. Nell'Appendice finale viene pubblicata un'edizione del trattato curata dall'autore.

All'indomani del grande Scisma d'Occidente. Jean Le Fèvre canonista al servizio dei Valois e il trattato De planctu bonorum in risposta a Giovanni da Legnano / A. Fabbri. - STAMPA. - (2013), pp. 1-317.

All'indomani del grande Scisma d'Occidente. Jean Le Fèvre canonista al servizio dei Valois e il trattato De planctu bonorum in risposta a Giovanni da Legnano

FABBRI, ALESSANDRO
2013

Abstract

Il volume riprende ed amplia la tesi di dottorato dell'autore, dedicata al trattato giuridico "De planctu bonorum", scritto nel 1379, durante il grande Scisma d'Occidente, dall'abate Jean Le Fèvre, canonista e consigliere del re di Francia Carlo V, per sostenere la causa dell'antipapa Clemente VII confutando il trattato "De fletu Ecclesie", scritto l'anno precedente dal giurista bolognese Giovanni da Legnano per sostenere le ragioni di papa Urbano VI. Nel primo capitolo viene descritta la situazione politica e giuridica del vertice della Chiesa cattolica (papa e Sacro Collegio cardinalizio) prima dello Scisma e nei mesi durante i quali esso divampò, nonché le responsabilità delle due parti. Nel secondo capitolo vengono descritte la situazione politica e militare del regno di Francia e le scelte del suo re e dei suoi consiglieri al momento dello scoppio dello Scisma. Nel terzo capitolo si descrivono vita e carriera di Jean Le Fèvre e, in subordine, del suo antagonista Giovanni da Legnano. Nel quarto capitolo si analizza dettagliatamente il contenuto del trattato di Le Fèvre. Nel quinto ed ultimo capitolo si considerano la particolare struttura stilistica dell'opera, la sua fortuna nell'ambiente dei canonisti europei impegnati nello Scisma e la carriera successiva di Jean Le Fèvre fino alla morte. Nella conclusione si rilevano i punti di forza e di debolezza del trattato, si connette la sua logica di fondo alle concezioni diffuse nel clero francese (fortemente critiche nei confronti dell'accentramento del potere da parte del papa in seno alla Chiesa) e si sottolinea la sua rilevanza nel fornire giustificazioni giuridiche ed ecclesiologiche ad una disputa di carattere eminentemente politico, che avrebbe influenzato fortemente la storia dell'Europa e della Chiesa nei decenni successivi. Nell'Appendice finale viene pubblicata un'edizione del trattato curata dall'autore.
2013
317
9788879706254
All'indomani del grande Scisma d'Occidente. Jean Le Fèvre canonista al servizio dei Valois e il trattato De planctu bonorum in risposta a Giovanni da Legnano / A. Fabbri. - STAMPA. - (2013), pp. 1-317.
A. Fabbri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/398312
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact