All’indomani della Prima guerra mondiale, il sistema di protezione delle minoranze nazionali si ergeva su trattati stipulati ad hoc e la cui attuazione era garantita dall'azione della Società delle Nazioni. I cosiddetti 'Trattati per le minoranze' vennero firmati solo da un numero limitato di stati, notoriamente dalle nuove entità statali nate al termine del conflitto e dagli stati che avevano acquisito nuovi territori in seguito alla stipulazione dei Trattati di pace. Da parte sua, la Società delle Nazioni aveva il compito di prevenire il sorgere di possibili scontri tra gli stati firmatari dei trattati al fine di escludere il pericolo di un coinvolgimento dell'intera comunità internazionale in nuovi conflitti. Lo studio presenta il dibattito relativo al principio di autonomia nazionale culturale all’interno della Società delle Nazioni all’indomani della fine della Prima Guerra Mondiale e lo pone in relazione al più ampio dibattito relativo alla protezione delle minoranze nel primo dopoguerra.

Un nuovo ordine mondiale: minoranze di razza, lingua e religione all'indomani della Prima guerra mondiale / Barbieri S.. - STAMPA. - (2011), pp. 229-253.

Un nuovo ordine mondiale: minoranze di razza, lingua e religione all'indomani della Prima guerra mondiale

BARBIERI, SARA
2011

Abstract

All’indomani della Prima guerra mondiale, il sistema di protezione delle minoranze nazionali si ergeva su trattati stipulati ad hoc e la cui attuazione era garantita dall'azione della Società delle Nazioni. I cosiddetti 'Trattati per le minoranze' vennero firmati solo da un numero limitato di stati, notoriamente dalle nuove entità statali nate al termine del conflitto e dagli stati che avevano acquisito nuovi territori in seguito alla stipulazione dei Trattati di pace. Da parte sua, la Società delle Nazioni aveva il compito di prevenire il sorgere di possibili scontri tra gli stati firmatari dei trattati al fine di escludere il pericolo di un coinvolgimento dell'intera comunità internazionale in nuovi conflitti. Lo studio presenta il dibattito relativo al principio di autonomia nazionale culturale all’interno della Società delle Nazioni all’indomani della fine della Prima Guerra Mondiale e lo pone in relazione al più ampio dibattito relativo alla protezione delle minoranze nel primo dopoguerra.
2011
L'Europa centro-orientale nel primo dopoguerra
229
253
Un nuovo ordine mondiale: minoranze di razza, lingua e religione all'indomani della Prima guerra mondiale / Barbieri S.. - STAMPA. - (2011), pp. 229-253.
Barbieri S.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/397919
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact