Nonostante le morti per malattie cardiovascolari (MCV) siano diminuite in tutti i paesi industrializzati, l’entità delle malattie CV rimane ancora molto elevata specialmente nella popolazione femminile ove esse rappresentano ancora la prima causa di morte con una frequenza superiore a quella di tutte le altre patologie, compreso il tumore al seno. Dopo i 75 anni di età, nelle donne, la prevalenza delle malattie CV è perfino superiore a quella osservata nella popolazione maschile. In considerazione del progressivo invecchiamento delle popolazioni, fenomeno che interessa in particolar modo proprio le donne che sono più longeve degli uomini, si stima che in un futuro prossimo le malattie CV saranno ancor più frequenti nella popolazione femminile. Paradossalmente i fattori di rischio CV sono, nelle donne, sottostimati nonostante molti dei tradizionali e più importanti quali ipertensione arteriosa, fumo di sigaretta, dislipidemie e diabete mellito sembrino penalizzare particolarmente la popolazione femminile. Le donne sono, inoltre, caratterizzate da alcune condizioni tipicamente femminili, come la menopausa e la ipertensione gestazionale, e da una elevata prevalenza di fattori di rischio CV emergenti quali la sindrome metabolica, elevati livelli di Hs-PCR e la disfunzione endoteliale. Nonostante la grande importanza del problema, studi clinici sulla differenza di genere e specifiche linee guida per la prevenzione delle malattie CV nella popolazione femminile sono ancora scarsi.

Sesso e genere: rischio cardiovascolare / Borghi C; Veronesi M; Degli Esposti D; Immordino V. - STAMPA. - (2013), pp. 79-100.

Sesso e genere: rischio cardiovascolare

BORGHI, CLAUDIO;VERONESI, MADDALENA;
2013

Abstract

Nonostante le morti per malattie cardiovascolari (MCV) siano diminuite in tutti i paesi industrializzati, l’entità delle malattie CV rimane ancora molto elevata specialmente nella popolazione femminile ove esse rappresentano ancora la prima causa di morte con una frequenza superiore a quella di tutte le altre patologie, compreso il tumore al seno. Dopo i 75 anni di età, nelle donne, la prevalenza delle malattie CV è perfino superiore a quella osservata nella popolazione maschile. In considerazione del progressivo invecchiamento delle popolazioni, fenomeno che interessa in particolar modo proprio le donne che sono più longeve degli uomini, si stima che in un futuro prossimo le malattie CV saranno ancor più frequenti nella popolazione femminile. Paradossalmente i fattori di rischio CV sono, nelle donne, sottostimati nonostante molti dei tradizionali e più importanti quali ipertensione arteriosa, fumo di sigaretta, dislipidemie e diabete mellito sembrino penalizzare particolarmente la popolazione femminile. Le donne sono, inoltre, caratterizzate da alcune condizioni tipicamente femminili, come la menopausa e la ipertensione gestazionale, e da una elevata prevalenza di fattori di rischio CV emergenti quali la sindrome metabolica, elevati livelli di Hs-PCR e la disfunzione endoteliale. Nonostante la grande importanza del problema, studi clinici sulla differenza di genere e specifiche linee guida per la prevenzione delle malattie CV nella popolazione femminile sono ancora scarsi.
2013
Manuale di Medicina Sesso-genere
79
100
Sesso e genere: rischio cardiovascolare / Borghi C; Veronesi M; Degli Esposti D; Immordino V. - STAMPA. - (2013), pp. 79-100.
Borghi C; Veronesi M; Degli Esposti D; Immordino V
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/394011
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact