La genitorialità, come processo psichico attraverso il quale un uomo e una donna diventano genitori, si fonda su una dimensione temporale e spaziale, che contiene la rappresentazione di un figlio e di sé come madre e padre, rappresentazione in continua costruzione e ricostruzione, che tiene conto del presente, della progettualità, ma che si riallaccia, in una modalità dinamica e trasformativa, ad aree intra ed interpsichiche più antiche, connesse all’immagine dei propri genitori, al ricordo del rapporto con loro. I legami affettivi, fondamenta dei meccanismi intersoggettivi e dei meccanismi di mentalizzazione, sono soggetti a continue trasformazioni e spesso a rotture traumatiche, fra le quali la più devastante è la perdita di un figlio. La morte di un figlio disgrega in modo catastrofico gli schemi mentali personali e familiari: il mondo emotivo è pervaso da tristezza, solitudine destrutturante e insensata, ottundimento emotivo o rabbia, senso di colpa; le aree vitali vengono depauperate e devitalizzate; l’affaticamento cronico e la depressione congelano apparentemente la sofferenza.

Il lutto impossibile: perdere un figlio / Fiorella Monti; Erica Neri. - STAMPA. - (2013), pp. 42-50.

Il lutto impossibile: perdere un figlio

MONTI, FIORELLA;NERI, ERICA
2013

Abstract

La genitorialità, come processo psichico attraverso il quale un uomo e una donna diventano genitori, si fonda su una dimensione temporale e spaziale, che contiene la rappresentazione di un figlio e di sé come madre e padre, rappresentazione in continua costruzione e ricostruzione, che tiene conto del presente, della progettualità, ma che si riallaccia, in una modalità dinamica e trasformativa, ad aree intra ed interpsichiche più antiche, connesse all’immagine dei propri genitori, al ricordo del rapporto con loro. I legami affettivi, fondamenta dei meccanismi intersoggettivi e dei meccanismi di mentalizzazione, sono soggetti a continue trasformazioni e spesso a rotture traumatiche, fra le quali la più devastante è la perdita di un figlio. La morte di un figlio disgrega in modo catastrofico gli schemi mentali personali e familiari: il mondo emotivo è pervaso da tristezza, solitudine destrutturante e insensata, ottundimento emotivo o rabbia, senso di colpa; le aree vitali vengono depauperate e devitalizzate; l’affaticamento cronico e la depressione congelano apparentemente la sofferenza.
2013
Uno sguardo al cielo, Elaborare il lutto
42
50
Il lutto impossibile: perdere un figlio / Fiorella Monti; Erica Neri. - STAMPA. - (2013), pp. 42-50.
Fiorella Monti; Erica Neri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/393392
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact