Il destino finale dei fanghi di chiarificaziione delle acque è lo smaltimento in discarica controllata per rifiuti speciali non pericolosi, previo condizionamento chimico degli stessi volto alla minimizzazione dei volumi e delle masse in gioco. Il condizionamento è condotto in ambiente acido o basico, che consente di, altresì, il recupero dei reattivi coagulanti (sali di ferro e alluminio). In genere, la qualità dei reattivi coagulanti recuperati non è tale da giustificare il loro riutilizzo diretto nelle operazioni di chiarificazione delle acque da destinare al consumo umano. Per migliorare la qualità dei reattivi reagenti di recupero dalle operazioni di condizionamento, si applicano processi separativi aspecifici basati sulla precipitazione frazionata di fasi solide. In questo contesto, il processo RecAl(R), basato sullo scambio ionico, consente la separazione e il riuso di sali di alluminio e ferro dei fanghi di chiarificazione, i quali vengono poi recuperati al livello qualitativo comparabile, se non superiore, ai tipici prodotti coagulanti commerciali. Il lavoro presenta una valutazione economica comparativa del processo RecAl(R) rispetto al semplice smaltimento in idonea discarica controllata.

Lo smaltimento dei fanghi di chiarificazione delle acque. Il Processo Recal®. Una valutazione tecnico-economica / D. Petruzzelli;A. Petrella;PETRUZZELLI V.;T. Basile;E. Ranieri. - STAMPA. - (2010), pp. 301-308.

Lo smaltimento dei fanghi di chiarificazione delle acque. Il Processo Recal®. Una valutazione tecnico-economica

PETRUZZELLI, VALENTINA;
2010

Abstract

Il destino finale dei fanghi di chiarificaziione delle acque è lo smaltimento in discarica controllata per rifiuti speciali non pericolosi, previo condizionamento chimico degli stessi volto alla minimizzazione dei volumi e delle masse in gioco. Il condizionamento è condotto in ambiente acido o basico, che consente di, altresì, il recupero dei reattivi coagulanti (sali di ferro e alluminio). In genere, la qualità dei reattivi coagulanti recuperati non è tale da giustificare il loro riutilizzo diretto nelle operazioni di chiarificazione delle acque da destinare al consumo umano. Per migliorare la qualità dei reattivi reagenti di recupero dalle operazioni di condizionamento, si applicano processi separativi aspecifici basati sulla precipitazione frazionata di fasi solide. In questo contesto, il processo RecAl(R), basato sullo scambio ionico, consente la separazione e il riuso di sali di alluminio e ferro dei fanghi di chiarificazione, i quali vengono poi recuperati al livello qualitativo comparabile, se non superiore, ai tipici prodotti coagulanti commerciali. Il lavoro presenta una valutazione economica comparativa del processo RecAl(R) rispetto al semplice smaltimento in idonea discarica controllata.
2010
Trattamenti e smaltimento dei rifiuti urbani e dei fanghi di depurazione
301
308
Lo smaltimento dei fanghi di chiarificazione delle acque. Il Processo Recal®. Una valutazione tecnico-economica / D. Petruzzelli;A. Petrella;PETRUZZELLI V.;T. Basile;E. Ranieri. - STAMPA. - (2010), pp. 301-308.
D. Petruzzelli;A. Petrella;PETRUZZELLI V.;T. Basile;E. Ranieri
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/380276
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact