Un professore antifascista e il suo “diario” del tempo di guerra